Home photogallery

 

 

Ho 42 anni e vivo in campagna nell'immediata periferia di Perugia. Faccio il medico, sono specialista in cardiologia, mi sono occupato negli ultimi 10 anni di cure palliative e terapia del dolore presso la AUSL n.2 di Perugia. Ora svolgo la mia attività per il Servizio di Emergenza Territoriale della AUSL n.2 lavorando come Medico di 118 e di Pronto Soccorso nell'Ospedale di Assisi.

L'hobby della fotografia risale a molti anni fa. Iniziai a scattare e subito dopo anche a stampare da solo le prime foto all'età di 12 anni. A quei tempi usavo una vecchia ma splendida macchina fotografica di mio padre, una Voigtländer Bessamatic una reflex degli anni 50. In camera oscura (nel tinello di casa!) avevo un ingranditore Durst M301 e tutti i vari accessori necessari.  Poi a 14 anni (esami di terza media) la prima reflex moderna: una Pentax MX che ancora ho insieme a varie ottiche.

Ho incontrato in quel periodo quello che sarebbe diventato uno dei miei migliori amici, Mauro Toni un fotografo professionista di Terni ma che iniziava allora a lavorare vicino a casa mia. A lui devo molte delle conoscenze tecniche e malizie professionali che ancora mi porto dietro. Insieme a lui ho condiviso la mia adolescenza trasformando l'hobby in un lavoro avendo collaborato a non so più quanti servizi fotografici (soprattutto matrimoni) non come fotografo ma come cineoperatore, fino a quando è iniziato a mancarmi il tempo materiale. A lui devo il privilegio di aver tenuto in mano macchine fotografiche come l'Hasselblad 500-CM e svariate Nikon, anche se io mi sono sempre occupato della parte video. E' un grande amico e un grande fotografo e lo potete trovare su www.studioemme.com

A distanza di anni (molti) mi sono riaffacciato nel mondo della fotografia questa volta digitale e già dai primi scatti ho ritrovato lo stesso entusiasmo di quei lontani anni 70-80.

Questa piccola galleria fotografica non vuole essere il tentativo di raccogliere consensi che vadano a gonfiare un ego già di per sé abbondante. Ritengo la fotografia, come la pittura o la musica una forma espressiva artistica che va condivisa. Il digitale ha il grande svantaggio di mancare in molti casi del supporto concreto della carta che consente di appendere al muro o attaccare in un album gli attimi che abbiamo fissato per sempre. Ha però il grande vantaggio di poter circolare liberamente in spazi ben più ampi attraverso la rete ed essere condivisa da un numero di persone non immaginabile diversamente.

La raccolta che vedete comprende foto banali sia tecnicamente che come soggetto, altre più ricercate. Anche l'istantanea ha spesso il suo "perchè" senza essere oggettivamente un capolavoro e quindi, soprattutto in questa fase iniziale, alcune immagini che potremmo definire banali, sono finite senza censura insieme ad altre frutto invece della volontà di esprimere qualche cosa sia al momento dello scatto che poi in post-produzione. Il fascino della carta fotografica però non si dimentica nè può essere sostituito dal miglior monitor. Per questo stampo (faccio stampare in lasboratorio) una decina di 30x40 alla settimana delle foto che più mi piacciono. Non so cosa ne farò ma mi piace toccare quello che fotografo, mi piace sfogliare le immagini, mi piace vedere dietro quell'attimo fissato la scritta "Kodak Professional" e non Acer o Sony. L' odore del Rodinal, Neutol, Agefix, Microphen....il rumore della Paterson quando l'agitavo...le pellicole e le stampe appese come un bucato sopra la vasca da bagno...mia madre che minacciava di entrare in "camera oscura" perchè doveva apparecchiare...tutto questo ha un fascino irripetibile, ma confesso che vedere subito l'immagine che ho ripreso, riscattarla se non mi soddisfa, correre a casa e migliorarla al computer, condividerla con altri pochi secondi dopo....anche questo ha il suo fascino. Un fascino diverso ma quasi altrettanto intrigante.

Sono sempre stato dell'opinione che per fare belle fotografie ci voglia prima di tutto un buon fotografo, poi un bel soggetto ed infine una bella macchina fotografica. Partendo da queste premesse e sorvolando sulla prima necessità, credo che la Panasonic Lumix FZ-20 sia una discreta fotocamera digitale a basso costo che vanta un'ottica forse non presente su nessuna altra concorrente dello stesso segmento (compatte). La Nikon D70 è non a caso una delle reflex digitali più vendute al mondo e le ottiche Nikkor sono comunque una garanzia. Credo poi che se non si ha l'opportunità di trovarsi davanti al Soggetto con la ESSE maiuscola (quello che rende una fotografia _LA FOTOGRAFIA_), si può comunque scovare quotidianamente il "bello" anche dove meno te lo aspetti, dove molto spesso per la fretta o per disattenzione non siamo portati a fermare lo sguardo........Se volete rubarmi la fotocamera basta che guardate nel cassetto portaoggetti della mia automobile: è sempre lì, quando non è attaccata al computer per scaricare la scheda!

Non approfondisco il concetto di arte riferito alle fotografie che trovate in questa piccola galleria. A mio parere comunque la fotografia è una forma d'arte o comunque è un modo per fissare un'emozione nel tentativo di trasmetterla ad altri soggetti "compatibili" con il nostro modo di vedere e sentire le cose. Che si tratti di un dipinto, di una scultura, di musica o di fotografia dipende solo dalla capacità espressiva che si ha più sviluppata.

Spero che almeno alcune foto possano piacervi evocando anche in voi le stesse mie emozioni. Spero inoltre che riescano a contagiarvi facendo venire voglia anche a voi di fare qualche foto che non sia ad una torta di compleanno.

Buona visione....

 federico paoletti. Get yours at bighugelabs.com/flickr

 Bianco e Nero. Get yours at bighugelabs.com/flickr

copyright ©2006-2008 Federico Paoletti

federico paoletti perugia fotografia fotografie photogallery photography photo foto